Miele artigianale Nonno Lello dalle Colline Reggiane

Oggi vi raccontiamo qualcosa di molto bello, siamo stati a conoscere Manuel a casa di Nonno Lello in quel di Vezzano sul Crostolo.

A casa di Nonno Lello miele artigianale

La Buona Bottega non è solo un negozio online, non è una realtà invisibile bensì un'attività che esiste fisicamente a Bologna dove troverete il magazzino merce. Online è semplicemente il mezzo con cui fare la spesa di prodotti gastronomici artigianali provenienti da piccole realtà che puntano tutto su qualità e territorio. 

Ed è per questo che La Buona Bottega di Bologna ci mette la faccia; o per meglio dire Elena ci mette la faccia. Io sono La Buona Bottega.
Un mattino di inizio autunno mi sono recata a Vezzano sul Crostolo a conoscere Manuel de Il miele di Nonno Lello.
Manuel è il primo produttore che questo inverno ha risposto alla mia richiesta di collaborazione dicendo un sì così entusiasmante che fin da quel momento ho promesso a me stessa che il primo produttore ad essere presentato sarebbe stato lui.

Il miele di Nonno Lello è una realtà 100% compatibile con La Buona Bottega, è autentica e genuina.
Manuel ci accoglie nella casa di famiglia, dove riusciamo anche a intravedere il famoso Nonno e ad assaggiare, a fianco di alcune coloratissime arnie, i tre mieli millefiori: primaverile, estivo e di montagna.

COSA PRODUCE:

Chiaramente ciò che differenzia questo nettare delle api sono i tipi di fiori che si presentano in queste stagioni diverse ( o luoghi per il miele di montagna ); il miele del raccolto estivo avvolge il palato ed emergono note di frutta e di caramello, il millefiori primaverile è caratterizzato dalla presenza del tiglio che conferisce al sapore quella nota balsamica insieme al fruttato delle altre fioriture, infine il miele millefiori di montagna, il vero millefiori molto fruttato e con un retrogusto di castagno appena accennato sul finale.
A questi millefiori si aggiunge il miele di castagno di Marola, un piccolo paesino che si trova sempre sulle colline reggiane, caratterizzato da un sapore forte e amarognolo.

Questo ottimo miele è disponibile anche in una golosa versione con aggiunta di crema di nocciole italiane, che io vi consiglio da sostiuire alla famosa crema industriale spalmabile che tutti abbiamo in dispensa ;)
produzione miele artigianale reggiano

IL MIELE

Il miele è quindi a km0, Manuel ci spiega che molti suoi collegi regionali praticano nomadismo con le loro api, recandosi in tutta Italia per produrre tante diverse tipologie di nettare, mentre lui resta fedele al territorio e agli insegnamenti di nonno; l'ape in natura resta sempre in una zona.
Ad oggi gli alveari sono un centinaio nella zona di Reggio Emilia, e ci auguriamo che continuino a crescere.

Manuel è un produttore che ha ereditato indirettamente da suo nonno qualcosa di molto speciale, la passione. E quando si incontrano persone così da argomento nasce argomento, scopro che Manuel ha frequentato il corso AIS, da vini a formaggi e da formaggi a miele in tavola finiamo a parlare di come il miele può diventare un sostituto del famoso zucchero bianco in tantissime ricette. Pare ci sia una formula speciale che permetta di convertire quantità di zucchero in quantità di miele, stessa cosa per i tempi di cottura. Di questo però parleremo nell'angolo delle ricette ;)

Non finiscono qui le notizie belle, Manuel ha da poco vinto un riconoscimento molto importante. Goccia d'oro! 
E' finito tra gli 11 mieli millefiori migliori d'Italia.
Ecco come sono stati giudicati questi millefiori km0:

Tre mieli molto diversi, per intensità, carattere e gusto: dal più robusto (il più scuro) al più chiaro (a destra), floreale e delicato. Quello al centro, il nostro preferito, con note floreali su una bella persistenza vegetale, moderatamente dolce. Da provare, e l’uno e gli altri.
Riconoscimenti: Una Goccia d’Oro

Dalla casa di famiglia ci siamo poi spostati alla vecchia casa del nonno, ora diventata luogo di produzione dove il miele viene estratto dal melario (si trova dentro l'arnia )e si tolgono i coperchi di cera che chiudono i favi per far così colare il miele ( questo si può fare anche con un macchinario ), per poi passare alla smielatura che si fa...nello smielatore :) Qui, grazie alla forza centrifuga, i favi vengono svuotati del loro contenuto che è dirottato verso grandi contenitori in acciaio detti maturatori. Dopo questa operazione il miele viene lasciato riposare un mese dentro ai maturatori prima di venir invasettato e portato sulle nostre tavole.
invasettamento miele  miele artigianale nonno lello reggiano

CONCLUSIONI
Manuel è un papà di due gemelli, ha 35 anni ed è vitale e legato alla terra. Ha lasciato lo scorso anno il suo posto fisso da dipendente in banca per dedicarsi a questa passione di famiglia. Ne ha fatto un lavoro. Sapete cosa penso? Che forse questa generazione sta davvero cercando di ritrovare nelle proprie vite lo stile autentico e genuino di un tempo. Non solo nell'alimentazione, ma nella vita stessa, forse stiamo facendo un passo indietro rispetto a tutta questa industrializzazione e stiamo tentando di ritrovare ciò che i nostri nonni ci hanno insegnato. 
Per quello che mi riguarda, settore alimentare quindi, vedo un riavvicinamento a prodotti italiani, controllati, di sicura provenienza, artigianali.
Non è bellissimo? 

RINGRAZIAMENTI
Grazie Manuel per questo incontro che mi ha trasmesso davvero tanto.
Un saluto speciale a Gatta Bea che ha rapito il mio cuore. 

arnie ingresso api  miele artigianale nonno lello

millefiori km0